LED: Risparmio e qualità insieme

Spending review. Tale termine, di derivazione inglese, sembra ormai definitivamente entrato a far parte del lessico e vocabolario quotidiano, costantemente utilizzato anche da mezzi di stampa e televisione.

Si tratta di un’espressione utilizzata prevalentemente nel mondo politico, per indicare un processo diretto a migliorare efficienza ed efficacia della spesa pubblica attraverso una valutazione dei costi e delle spese della pubblica amministrazione e degli enti territoriali.

In sintesi, uno strumento per vedere se ci sono degli sprechi, inefficienze, costi inutili e spese eccessive da parte di strutture organizzative (quali ministeri, istruzione, sanità pubblica) riconducibili allo Stato.

L’obiettivo? Semplice, ma mai banale: il risparmio. led

Permettere, cioè, allo Stato di razionalizzare le proprie spese, dirigerle alla efficienza e ottenere quindi un importante risparmio evitando gli sprechi.

Non è del resto una parola nuova, questa del risparmio, specialmente di questi tempi.

A fronte infatti di uno Stato indebitato, e che tenta dunque di risparmiare attraverso la spending review, la situazione economica dei suoi cittadini non può purtroppo dirsi migliore, anzi.

Sono soprattutto le famiglie italiane a sentire la crisi e a sentire sempre di più la fatica per arrivare a fine mese. Dinanzi a tali difficoltà, il mezzo per andare avanti è quasi sempre lo stesso: tentare di risparmiare, qua e là, ovunque si possa.

Se poi il risparmio, che ritorna sempre, riesce ad abbinarsi alla qualità, allora sì che è un vero affare.

Purtroppo non sempre è facile trovare un simile abbinamento, risparmio-qualità, eppure talvolta è possibile.

L’esempio più classico è il LED: una soluzione tanto innovativa quanto efficiente, tale da rivoluzionare il settore della illuminazione moderna e soppiantare oramai definitivamente le vecchie lampadine ad incandescenza o fluorescenza.

Negli ultimi anni, infatti, lo sviluppo delle lampadine a LED è stato notevole, facendo registrare dei numeri importanti in termini di vendita.

Ciò risulta dovuto, da un lato, dalla capacità di tali lampadine di raggiungere subito il 100% di efficienza luminosa e, dall’altro, della forte promozione che esse hanno avuto.

La stessa Commissione Europea, infatti, in più di una direttiva, ne raccomanda l’uso e diversi siti forniscono ormai informazioni e consigli utili in materia: tra i più esperti, solo per citarne uno, Casa delle Lampadine dedica intere pagine del proprio sito esclusivamente al LED.

Del resto, le potenzialità del LED non sono una novità assoluta: il primo LED infatti fu sviluppato nel 1962 ed i primi risultati ottenuti incoraggiarono una sperimentazione che vanta ormai decenni di durata.

Fino ad arrivare ad oggi, quando utilizzare il LED garantisce di risparmiare fino al 90% in termini di consumi energetici.

E non solo: il risparmio, infatti, si abbina alla qualità, rappresentata dal basso impatto ambientale e dalle ridotte emissioni di CO2 che le lampadine a LED assicurano, oltre alla maggiore durata delle loro prestazioni.

E’ stato infatti calcolato che le lampadine a LED hanno una durata di circa 20.000/25.000 ore, a fronte di circa 1.000 delle vecchie lampadine ad incandescenza.

Risparmio, dunque, e qualità insieme. Talvolta per fortuna è possibile: il LED ne è un esempio.

Izzyweb

Amo internet e tutti i suoi confini

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy