I numeri romani

Un articolo per tutti gli studenti delle elementari che sono a studiare i Numeri Romani.  Per rappresentare i numeri usavano le seguenti lettere dell’alfabeto:

I = 1
V = 5
X = 10
L = 50
C = 100
D = 500
M = 1000

Il numero formato da due o tre lettere uguali è pari alla loro somma. Per esempio:

XX = 20 , CCC = 300

Una lettera scritta a destra di un’altra di valore maggiore si somma con essa. Per esempio:

XV = 15 , CLI = 151

Una lettera scritta a sinistra di un’altra di valore maggiore si sottrae da essa. Per esempio:

VL = 45 , CD = 400

Le lettere V, L, D non si raddoppiano mai e le altre non si possono scrivere più di tre volte.

Quando sopra un numero romano è posta una linea orizzontale, il numero diviene 1000 volte maggiore.

Per esempio:

III=3000

MCX=1110000

Torna su