I tempi e i costi per la patente B

Il sogno di ogni giovane che ha appena compiuto i 18 anni è quello di conseguire la patente B e guidare la propria automobile. Per prendere la patente, però, è necessario fare un piccolo investimento che non richiede solo un sacrificio economico, ma anche del tempo da dedicare a questo progetto. Negli anni precedenti era possibile risparmiare sul conseguimento della patente facendo gli esami da privatista, ma oggi, dopo l’avvenuta introduzione del nuovo esame per la patente B, il risparmio è veramente minimo.

Quali sono i costi per la patente di tipo B

Ovviamente i costi per il conseguimento della patente variano in base ai casi, ad esempio, prendere la patente B attraverso l’iscrizione ad una scuola guida ha un costo che si aggira fra i 750 ed i 900 euro. In questa somma sono, ovviamente, comprese tutte le spese necessarie che sono:

  • Il costo dell’iscrizione alla scuola guida;
  • I costi relativi alla necessaria documentazione tecnica e legale della Motorizzazione e il relativo disbrigo;
  • Il costo per il sostenimento degli esami di teoria e di pratica;
  • Il costo delle lezioni di teoria e di pratica.

Ovviamente i costi possono variare a seconda della scuola guida prescelta ed in base al numero delle guide che vi serviranno per l’esercitazione pratica. Attraverso la scuola guida, però, si ottiene una preparazione completa.Auto-350x232

Patente B da privatista: i costi

Se la vostra intenzione è quella di conseguire la patente da privatista i costi che dovrete preventivare si aggirano mediamente intorno ai 650 euro permettendovi di risparmiare fra i 100 ed i 150 euro rispetto alla scelta della scuola guida.

Nel 2013 sono state introdotte delle nuove norme che regolamentano l’esame di guida per la patente B stabilendo che non si può risparmiare sui costi necessari per le esercitazioni di guida, infatti, secondo la legge, un privatista deve effettuare almeno sei ore obbligatorie di guida da fare insieme ad un istruttore di autoscuola abilitato.

Mediamente, il costo di tali ore è di circa 180 euro a cui si sommano fra i 100 ed i 200 euro necessari per l’iscrizione all’autoscuola che è indispensabile per usufruire delle guide con l’istruttore. Quindi, in sostanza, il risparmio è annullato.
I costi da sostenere per prendere la patente da privatista sono:

  • Il costo relativo alle sei ore minime di esercitazione con l’istruttore;
  • Il costo dell’iscrizione alla scuola guida;
  • Il costo per l’esame di teoria e pratica

I tempi necessari per prendere la patente

I tempi medi necessari a prendere la patente B variano dai 2 ai 6 mesi. Nel dettaglio, si tratta di presentare la domanda per il conseguimento della patente alla motorizzazione e, di seguito, prenotare l’esame di teoria. Fatto ciò, il candidato riceve una marca operativa, della durata di sei mesi, che consente di sostenere l’esame anche il giorno dopo.
Se si superano i quiz, si entra in possesso del foglio rosa, che ha la validità di 6 mesi. Per poter fare l’esame, però, devono trascorrere almeno 30 giorni dal superamento dei quiz.

Se per due volte non si superano i quiz è necessario rifare l’iter burocratico presso la Motorizzazione, mentre se si viene bocciati due volte all’esame di guida, si annullerà anche la prova di teoria andata a buon fine rendendo necessario, anche in questo caso, il ritorno alla Motorizzazione.

Izzyweb

Amo internet e tutti i suoi confini